Municipio XX
Quartieri:
Della Vittoria, Tor di Quinto.
Zone:
La Storta, Cesano, Tomba di Nerone, La Giustiniana.

Popolazione: (al 2006)
142.616 abitanti

Sede principale:
Via Sabotino, 4
Sede dei servizi sociali:

Via Cassia, 472

Sito Web:
www.comune.roma.it

ASL e Distretto Sanitario:
ASL RM E - DS B
Informazione specializzata per invalidi civili e disabili
.
Ufficio Relazioni con il Pubblico
Via Sabotino,4
Tel. 06 3728656 - 06 69620333
Fax 06 37359021
Mail m.carlini@comune.roma.it
.
Uno sportello presso l'URP del Municipio Roma XX è in grado di fornire informazioni su tutte le prestazioni socio economiche alle quali hanno diritto gli invalidi civili e i disabili ed in particolare:
- accesso ai servizi (casa – riconoscimento di invalidità civile - pensioni- assistenza);
- agevolazioni fiscali e tributarie;
- agevolazioni logistiche (barriere architettoniche, parcheggi riservati, contrassegno auto) e culturali.
Assistenza domiciliare SAISH
.
Via Cassia, 472
Tel. 06 33710233
.
Cos'è:
Il Servizio per l'Autonomia e l'Integrazione Sociale della persona Handicappata (SAISH), è costituito da un insieme di prestazioni di aiuto alle persone disabili a sostegno della loro autosufficienza, autonomia e partecipazione sociale.
Può usufruire del servizio la persona disabile che "presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione" (Legge 104/92).
Sono escluse le persone la cui disabilità derivi da patologie strettamente connesse ai processi di invecchiamento o da malattie psichiatriche.
Sono obiettivi primari del servizio il sostegno per l'autosufficienza, il conseguimento del grado massimo di autonomia personale ed il sostegno alla socializzazione al fine di conseguire il miglior livello di vita possibile sul piano fisico, funzionale e sociale. Sono obiettivi secondari del servizio la riduzione del ricorso alla istituzionalizzazione ed il sostegno al nucleo familiare.
.
Modalità operative:
1 La domanda di accesso al Servizio si inoltra al Municipio, Servizio Sociale – Via Cassia, 472, Tel. 06 3315147. Se l'utente ha difficoltà ad inoltrare la domanda, quest'ultima può essere inviata al municipio anche dal servizio della ASL competente.
Alla domanda il richiedente allega uno dei seguenti certificati comprovanti lo stato di disabilità:
  - certificato di invalidità (fotocopia);
  - riconoscimento di persona handicappata ai sensi della legge 104/92;
  - certificato specialistico del Servizio pubblico;
  - va inoltre allegata una autocertificazione dei redditi complessivi del nucleo familiare.
2 Il Servizio ASL, che ha il compito di garantire la presa in carico dell'utente, accogliere e conoscere la persona e la natura del suo problema, elabora la scheda socio-sanitaria con la proposta di intervento assistenziale e la invia al Servizio Sociale municipale.
3 Il Servizio Sociale valuta la scheda socio-sanitaria presentata dal Servizio ASL competente, assegna un punteggio alla domanda ai fini della definizione della graduatoria.
4 Al momento in cui si rende possibile l'accesso al SAISH, il Servizio competente della ASL, il Servizio Sociale municipale, la Cooperativa incaricata di svolgere il Servizio e l'utente concordano e sottoscrivono un Piano Individuale di intervento.
Assistenza indiretta (L. 162/98)
.
Via Cassia, 472
Tel. 06.33710233 - Fax 06.3350977
Mail c.baldari@comune.roma.it
.
Cos'è:
Le persone diversamente abili già inserite nel servizio di Assistenza domiciliare SAISH, adulte e in grado di autodeterminarsi e gestire direttamente le modalità di assistenza, possono essere autorizzate a scegliere gli operatori che prestano loro assistenza, mediante un contratto di lavoro.
Il servizio viene realizzato sotto forma di piani personalizzati, previamente concordati dal Servizio Sociale del Municipio e dalla ASL.
All'utente viene corrisposto un rimborso delle spese di assistenza, quantificato nel piano individuale, a seguito della presentazione della rendicontazione delle spese sostenute.
.
Modalità di attuazione:
1 la persona interessata alla gestione diretta dell'assistenza deve fare la richiesta al Servizio Sociale del Municipio;
2 il Municipio, l'ASL RME e l'utente concordano il piano individuale;
3 il disabile si impegna con atto formale a dimostrare la regolarità del contratto di lavoro stipulato e a rendicontare regolarmente la spesa;
4 con la periodicità concordata, a seguito di presentazione della documentazione delle spese, viene elargito il rimborso.