search

home < assistenza < Lazio - strutture intermedie

Lazio - strutture intermedie per la SLA

Le strutture intermedie specializzate nel trattamento della SLA nella Regione Lazio.

Roma | fuori Roma

 

Hospice Fondazione Roma SLA - Alzheimer

Hospice Fondazione Roma

Via Poerio 100 (quartiere Monteverde vecchio) - 00186 Roma

Tel. 06 588991 | Fax 06 5818619 | Web www.hospicesacrocuore.org

Referente medico: Dott.ssa Luigia Clarici

Servizio SLA

Il servizio è dedicato ai pazienti affetti da SLA residenti sul territorio della ASL Roma D.

L'Hospice Fondazione Roma offre la presa in carico di 3 persone in regime di residenza come ricovero di sollievo.

L'accesso a tale Servizio è garantito al verificarsi di uno dei seguenti criteri: malattia caratterizzata da una grave progressione, tale da condurre ad una perdita dell'autonomia respiratoria; paziente a basso o medio impegno assistenziale non assistibile al domicilio; richiesta di ricovero da parte dei familiari per alleviarne il carico fisico e psicologico per un periodo temporaneo.

L'Hospice Fondazione Roma offre, inoltre, la presa in carico di 6 pazienti in assistenza domiciliare.

Un'assistenza caratterizzata da un modello organizzativo basato sul care management e sulla presenza h24 di una Centrale Operativa che coordina tutte le attività necesarie per garantire sia prestazioni d'alta complessità, attraverso l'integrazione con gli Ospedali o i Centri di Riferimento, che la presa in carico in Residenza o a Domicilio, direttamente e in collaborazione con i Medici di Medicina Generale e con i distretti della ASL Roma D. Un supporto per il miglioramento della qualità di vita a partire da una giusta informazione e formazione del malato e dei familiari sul percorso della malattia.

--> scarica il modulo di accesso al servizio SLA

Servizio Hospice

L'assistenza in regime Hospice si rivolge a pazienti con patologie avanzate non più guaribili che si giovano di cure palliative e terapie del dolore; si tratta di pazienti con limitata autonomia funzionale, severità di sintomi e con prognosi di sopravvivenza a breve e medio termine. Le cure, in Hospice e a domicilio, effettuate da una équipe multidisciplinare si rivolgono sia alle necessità del paziente, da un punto di vista fisico ma anche psicologico e sociale, sia alle necessità dei familiari di essere sostenuti nei momenti difficili. L'Hospice è dedicato a pazienti affetti da patologie di pertinenza oncologica e non oncologica (cardiovascolare, neurologica, pneumologica e cronico-degenerativa).

Il Servizio offre: assistenza in regime residenziale (Hospice residenziale), fino ad un massimo di 30 pazienti; assistenza in regime domiciliare (Hospice domiciliare), fino ad un massimo di 120 pazienti, residenti nel Comune di Roma entro il limite del raccordo anulare e nell'intero territorio della ASL Roma D; èquipe multidisciplinare di assistenza costituita da medici (esperti in cure palliative), da infermieri, psicologi e terapisti della riabilitazione, il cui coordinamento è affidato ad un medico che garantisce al paziente e alla famiglia un riferimento stabile continuativo; reperibilità medico-infermieristica 24 ore su 24.

--> scarica il modulo di accesso al servizio Hospice

 

S. Raffaele Montecompatri

S. Raffaele Montecompatri

Via S. Silvestro 25/A - 00040 Montecompatri (RM)

Tel. 06 947811 | Fax 06 94781251 | Web www.sanraffaele.it

Referente medico: Dott. Franco Fasqua

La casa di cura San Raffaele Montecompatri, accreditata con il Servizio Sanitario Regionale, fa parte del San Raffaele SpA. L'assistenza medico-infermieristica è continua (24 ore su 24), e di alto livelloal fine di assicurare l'ottimizzazione della qualità della vita di ogni singolo residente.

Il servizio dedicato ai malati di SLA con complicanze respiratorie è quello di riabilitazione respiratoria.

La Riabilitazione Respiratoria è una branca della medicina che, attraverso trattamenti multidisciplinari personalizzati, mira a migliorare il danno secondario di svariate patologie respiratorie cercando di recuperare il paziente ad uno stile di vita indipendente e di reintegrarlo, possibilmente, nel contesto socio-familiare e lavorativo. Afferiscono all'Unità Operativa i pazienti affetti dalle seguenti patologie: BPCO ed enfisema polmonare; asma bronchiale; insufficienza respiratoria in ossigenoterapia a lungo termine; patologie neuromuscolari tra cui la sclerosi alterale amiotrofica (SLA), le distrofie muscolari ecc.; fibrosi cistica; bronchiettasie; fibrosi polmonari idiopatiche e secondarie; preparazione e recupero da interventi chirurgici sul torace (riduzione volumetrica, trapianto polmonare, neoplasie); pazienti critici, provenienti da terapie subintensive e rianimazioni, tracheostomizzati e/o in terapia parenterale, in ventilazione meccanica pressometrica e volumetrica.

--> scarica il modulo di accesso al servizio di riabilitazione respiratoria

 

 

--> torna indietro