search

home < comunicazione < eventi 2016

Eventi

Eventi 2016

 

23 settembre 2016

Vite parallele al Teatro Tordinona di Roma

Un viaggio nella SLA, scritto e diretto da Antonio Nobili, con la partecipazione di Alessio Chiodini

 

Vite parallele

TeatroSenzaTempo Produzione Spettacoli Teatrali

presenta VITE PARALLELE

Scritto e diretto da: Antonio Nobili con Marco Giustini – Simone Guarany – Lucia Rossi – Cristina Frioni – Francesca Antonucci – Raffaella Camarda

Con la partecipazione straordinaria di Alessio Chiodini nel ruolo del Valerio

"Tutti facciamo un viaggio, comincia il giorno della nostra nascita e prosegue per la durata della nostra vita, comunque la mettiate è un viaggio fantastico e sorprendente. Una scatola magica che contiene di tutto: i rimpianti, i rimorsi, le decisioni prese, quelle rimandate, le delusioni, gli amori, la fatica, in una piccola enorme parola è la VITA. Poi alla fine il DOLORE. Ecco, il dolore, il capitolo finale è sempre quello, è diverso per ognuno di noi,ma dall'esito sempre uguale: la scatola si chiude, il viaggio finisce: è INEVITABILE. Quello che si può evitare, invece, è perdere la dignità dell'essere umano ed è questo il tema che affronteremo in questa conferenza. Analizzeremo il caso di chi sceglie come e quando chiudere la sua scatola, quando finire il viaggio, quando andarsene,mentre ha ancora un senso la parola: ESSERE UMANO. Le scatole di cui parliamo, oggi, non saranno solo cifre, o matricole, ecco, ma nomi e cognomi. Le loro vite, di giovani, di ragazzi, come molti di voi che vedo, seppure a distanza, seppure ignorandosi l'un l'altra, procedevano parallele, spinte dallo stesso vento, quello che spinge le giovani anime ambiziose, che si incontrano... parallele, di nuovo, ma stavolta distese, orizzontali nel letto di un ospedale." (Tratto da Vite Parallele)

Il destino mette alla prova i protagonisti di questa storia intensa e sofferta, quella di una esistenza segnata dalla malattia degenerativa, la SLA. Il destino incrocia la vita di due giovani che lottano con la vita e la morte, stringendo patti con l'una e con l'altra. Quale sarà l'istinto più forte, quello del viaggio qualsiasi cosa accada o la sua fine prematura?

Un testo emozionante, un tema delicato. Un cast ed una regia che non hanno paura di affrontare il dolore che purtroppo, segna tante realtà.

***Vite Parallele è sostenuto dal Patrocinio Morale di Viva la Vita Onlus – Associazione per la lotta alla Sclerosi Laterale Amiotrofica in Italia - alla quale verrà devoluto parte dell'incasso delle serate***

Nella serata di Venerdì 23 Settembre, sarà presente anche la signora Erminia Manfredi che anticipa la sua presenza con la seguente dichiarazione: "Ricordo quanto è stato importante il teatro nella formazione di Nino come attore, fin da giovane. Assisto quindi con entusiasmo al lavoro di una compagnia di giovani attori che, ancor di più, mi rende felice perché hanno voluto sostenere l'Associazione Viva la Vita Onlus di cui sono Presidente Onorario."

Gli attori e i loro personaggi – dichiarazioni

Valerio è un ragazzo di 25 anni, con una grande passione per la vela che lo ha portato a diventare un famoso youtuber, grazie a video spericolati che ritraggono sportivi del mare. Vive con la sua amata fidanzata Laura. Cosa importante: adora l'indipendenza che è riuscito a costruirsi, questo può far già intuire che tipo di reazione avrà quando capirà quello che il destino gli ha riservato. (Alessio Chiodini)

Esther ha scelto di essere un'infermiera, lei ha scelto la sua missione. Ha scelto di indossare spalle forti, ironia e qualche ricordo celato tra le rughe che la rendono paziente, ma anche diretta, incisiva... La sua storia si intravede ma non si manifesta, così come la malinconia che traspare dai suoi occhi, dai suoi gesti. Lei ha scelto di restare, non per sé... ma per tutte "le vite parallele che, prima o poi, si incontrano". (Cristina Frioni)

Simone è un giovane e brillante architetto. È fidanzato ormai da un paio di anni con Marta e tra i due c'è un amore vero, sincero e per niente banale. Simone, come tutti gli architetti è molto puntiglioso, questo lo porta inevitabilmente a vivere degli stati d'ansia che lo portano a vivere "male" alcuni momenti del suo lavoro. Con la malattia, scoprirà che non c'è bisogno del l'ansia, la vita è energia pure, meraviglia e stupore. Deciderà quindi di godersela fino in fondo, a tutti i costi. (Simone Guarany)

Laura è una ragazza di 25 anni, fortemente indipendente e con un forte senso di umanità. Convive con Valerio e si mostra apparentemente non convinta della scelta di vita lavorativa del suo fidanzato. In realtà è capace di comprendere e accettare le sue scelte seppur, a volte, non condividendole o non comprendendole fino in fondo. Il suo carattere, in realtà, forte e determinato infatti la porterà a restare accanto a Valerio consapevole di ciò che li attende. (Raffaella Camarda)

Zina fa parte del reparto ospedaliero è un'infermiera proveniente dall'est... all'inizio può apparire cinica e spietata, poi andando avanti si capisce che anche lei si porta dietro il suo fardello... "vivere immersa nella sofferenza vivere una vita parallela alla loro tutto questo mi turba profondamente" e tutto questo riapre in lei quella grossa ferita. (Lucia Rossi)

Hanno detto di Vite Parallele

"Bellissima la scrittura, un uso altrettanto bellissimo della suspance. Ricordi i vecchi maestri con un bellissimo futuro e uno straordinario presente davanti a te." (Stefano Reali, regista ed autore)

"Uno Spettacolo bello come se ne vedono raramente. Da vedere e rivedere." (Marco Risi, regista ed autore)

"Non può non diventare un film, lo è già ed è bellissimo" (Matteo Rosi, scenografo cinematografico)

"È quell'attimo che ci coglie di sorpresa e ci pone davanti allo specchio, riproponendoci il doppio, l'eterno dualismo con se stessi, macina e ripete con eco insistente il dolore della piaga appena formatasi, all'unisono, nell'arco di un'ora appunto, dentro l'animo di ogni spettatore" (Marco Fioramanti, recensione per Articolo 33)

"Un testo emozionante e un tema delicato. Anche in questo spettacolo, Nobili prende spunto dall'attualità e non si tira indietro nel grande dibattito sull'eutanasia, suggerendo sfumature di pensiero che interrogano lo spettatore sull'argomento." (Maria Grazia Londrino, recensione per RomArtGallery)

"Ancora un grazie ad Antonio Nobili che continua a coinvolgere il pubblico con la sua sublime capacità di raccontare e di far vivere esattamente ciò che racconta." (Flavia Cataldi, recensione per 2duerighe.com)

"Una mano si stringe in un pugno che si avvicina allo stomaco dello spettatore e lo colpisce in pieno. Questo è "Vite parallele"… Nonostante la sfida difficilissima che si trovano ad affrontare, Alessio Chiodini e Simone Guarany riescono ad essere credibili. Soprattutto Chiodini, interprete di un personaggio che riesce a tratti a ironizzare sul proprio stato, restando lucido e razionale, commuovendo e divertendo." (Marta Gentilucci, recensione per Recensito.net)

"Una finzione che non era finta, una rappresentazione così realistica da fermarmi il fiato in gola e commuovermi…Vite Parallele presenta una realtà disarmante, sicuramente scomoda, mettendo alla prova la coscienza di ognuno che, inevitabilmente, si troverà ad interrogarsi sul senso più intimo della propria esistenza e sul valore che dà alla propria vita. " (Flaminio Boni, recensione)

 

Dal 23 al 25 Settembre 2016 ORE 21,00 (domenica pomeridiana ore 18)

TEATRO TOR DI NONA Via dell'Acquasparta, 16 – Roma 06 7004932

Crediti Aiuto Regia: Matteo Maria Dragoni – Ass. Regia: Virginia Menendez – Assistente alla Produzione: Silvia Magazzù - Ufficio Stampa: MFP Scenografia e Costumi: TsT Produzioni Spettacoli Teatrali – Luci: Riccardo Merlini

Biglietto INTERO 20 euro - RIDOTTO 15 euro – RIDOTTO ALLIEVI TST 10 euro (+ tessera teatro 3 euro)

Prenotazioni 366 4538808/06 7004932

Prenotando attraverso il sito www.teatrosenzatempo.com si ha diritto al BIGLIETTO RIDOTTO

 

--> torna indietro