search

home < viva la vita < testimonial

Testimonial di Viva la Vita onlus

Erminia Manfredi, Presidente onorario di Viva la Vita onlus.

 

Erminia Manfredi, Presidente onorario di Viva la Vita onlus

 

Erminia Ferrari, moglie del grande attore Nino Manfredi, dalla scomparsa del marito è impegnata attivamente nella lotta alla sclerosi laterale amiotrofica accanto all'associazione Viva la Vita onlus con la carica di Presidente onorario.

Erminia è molto più di una testimonial, è il vero punto di forza dell'Associazione, sempre in prima linea in tutte le iniziative in cui si racconta la condizione in cui vivono le persone affette da SLA.

Dal 3 giugno 2004, quando denunciò a Report la condizione difficilissima in cui era costretto il marito Nino dalla lunga permanenza in rianimazione per un ictus, ha svolto un'incessante attività di sostegno ai malati. La particolare attenzione che Erminia ha dimostrato per le persone affette da SLA viene, oltre che dalla sua grande sensibilità, anche dall'indignazione che ha provato quando ha conosciuto le grandi difficoltà e l'abbandono in cui persone rese inermi dalla malattia, ma lucide nella coscienza, sono costrette ad affrontare quotidianamente.

 

Il tempo che mi resta da vivere lo voglio usare per questa battaglia, per me e per Nino. Proprio in onore di Nino, e quello che ha vissuto Nino non voglio che lo vivano altre persone.

Le persone colpite dalla SLA sono alcune migliaia, non possiamo e non dobbiamo abbandonarle, hanno bisogno per vivere di dignità e di qualità della vita. La loro mente è lucida, i loro sensi sono attivi, sono uomini e donne che devono essere aiutati nella vita quotidiana, a casa e in ospedale.

Combattiamo per dar voce a chi non l'ha più e per essere il braccio di menti vigili, ma prigioniere in corpi immobili.

In questi anni ho conosciuto uno dei miei più grandi amici, Claudio Sabelli, colpito dalla SLA, assistito dalla moglie Stefania, un uomo dalla sensibilità straordinaria che, grazie al suo comunicatore, è riuscito ad esprimere idee e sentimenti che altrimenti sarebbero rimasti chiusi dentro la sua muta sofferenza.

Erminia Manfredi

 

--> torna indietro